Il blog di Antonio Tombolini

Emmanuel e Chimiary soli contro tutti voi, bastardi razzisti. Ovvero: ho parlato con Pisana Bachetti

E

Scimmia africana!” urla l’energumeno razzi-fascista fermano Amedeo Mancini. Emmanuel difende sua moglie e gli urla di ritorno, facendoglisi vicino. L’energumeno razzi-fascista inizia a pestarlo, finché Emmanuel cade per non rialzarsi più, e muore, sotto gli occhi della moglie atterrita. Ora Amedeo Mancini è accusato di omicidio preterintenzionale, perché sì, voleva menarlo, ma magari non voleva proprio proprio ucciderlo. Sia detto per inciso, i fatti secondo me configurano il reato di omicidio doloso, altro che storie. Se io ti meno al punto di farti cadere metto in conto che tu possa cadendo battere la testa e rimanerci secco: questo è per giurisprudenza unanime omicidio doloso, da decenni, ma la magistratura in questo caso, no, chissà perché.
Ma come, razzismo, e di questo squallore tragico, nella terra felice della Marca? Non può essere! Passano sì e no due ore dalla notizia, e si mette in moto la macchina giustificazionista. Abbiamo una Super-Testimone che ribalta tutto! Si chiama Pisana Bachetti, e ha dato la sua versione dei fatti, da testimone oculare, al cronista locale del Resto del Carlino.
A tutti voi, bastardi dentro, ansiosi solo di dimostrare che – come fate con le ragazze violentate perché troppo svestite – in fondo quei due neri se la sono andata a cercare, non pare vero. L’intervista di Pisana Bachetti viene dapprima ripresa da siti fascisti come Primatonazionale.it, di proprietà del capo di Casa Pound Simone di Stefano. Poi da siti di e pagine Facebook del mondo grillino “di base”, e non sarà un caso. A Salvini poi non pare vero “che poi adesso c’è questa testimonianza che cambia tutto!“. E infine La Zanzara dell’opportunista Cruciani, che rilancia e intervista la super-testimone. E via via le vostre pagine, articoli e commenti facebook, di voi che “eh, ma bisogna sentire tutte le campane!“.
A me questa storia, appena esce, puzza. Questa è la differenza tra me e voi: io sui marciapiedi della vita, e anche su quelli di internet, batto la vita da un bel po’ di anni ormai, e ho imparato a riconoscere le puzze. Appena esce la super-testimone Pisana Bachetti comincio a sentire una puzza insopportabile. Voi no, voi avete l’olfatto impedito dall’ansia di dimostrare che “ma dai no, in fondo non è stato razzismo, in fondo sono stati i due neri a menare le mani per primi, in fondo forse si è trattato perfino di legittima difesa da parte del povero fermano!“.
Sento puzza, e come ogni buon cane che si rispetti, comincio a rovistare.
Prima cosa, mi leggo l’intervista originale cui tutti si appoggiano, pubblicata dal Resto del Carlino, che spara il titolone: “Nigeriano ucciso a Fermo, la super testimone ribalta tutto“. Wow, mi dico, ribalta tutto! Andiamo a vedere.
L’incipit è subito definitivo, ecco il virgolettato di Pisana Bachetti:
«Purtroppo ho assistito alla scena e ed ho visto che il giovane fermano, prima di sferrare il pugno, è stato letteralmente assalito dalla vittima e da sua moglie. Lo hanno picchiato per quattro o cinque minuti e lo hanno colpito anche con il palo di un segnale stradale»
E ancora più nel dettaglio:
«Ero presente – aggiunge la donna che ha raccontato quanto accaduto anche agli inquirenti – e voglio precisare che quel povero ragazzo nigeriano, prima di cadere a terra per un pugno subìto, si è reso protagonista di un vero e proprio pestaggio del 39enne fermano. Per quattro o cinque minuti è stato attaccato simultaneamente dal giovane di colore e da sua moglie. Lui (Emmanuel, ndr) addirittura lo ha colpito con un segnale stradale trovato nei pressi facendolo cadere a terra e poi hanno continuato a picchiarlo. Quando ho visto quella scena, ho chiamato la polizia perché temevo per l’incolumità del 39enne fermano, che ha reagito con un colpo, purtroppo per la vittima, ben assestato. Qualcuno ha cercato di intervenire, ma è stato preso a scarpate dalla moglie del giovane di colore. Casualmente sono giunti sul posto gli agenti delle polizia municipale, perché, nel frattempo, la moglie di Emmanuel aveva fatto una telefonata ed erano arrivati una quindicina di nigeriani pronti ad entrare in azione».
Amedeo Mancini a questo punto è la vittima, non c’è dubbio: prende bastonate “per quattro o cinque minuti” dai due nigeriani, cade a terra, ma questi, non paghi, prendono un palo di un segnale stradale e cominciano a prenderlo a sprangate. Un “vero e proprio pestaggio“. Tanto che la super testimone chiama solerte la polizia “perché temevo per l’incolumità del 39enne fermano“! Ma questi, per fortuna, da terra e pestato a sangue come si trova, riesce in qualche modo a “reagire con un colpo”. Esatto. Un solo colpo, ma “ben assestato”. Emmanuel cade, batte la testa, e muore. Ma la testimonianza della super testimone (se no che super testimone sarebbe) è ancora più dettagliata: meno male che sono arrivati i vigili urbani, perché già erano arrivati una quindicina di nigeriani “pronti ad entrare in azione“, e il povero Amedeo Mancini a quel punto chissà che brutta fine avrebbe fatto. L’energumeno razzi-fascista Mancini che ha appena pestato a morte dopo averlo insultato Emmanuel salvato dall’intervento dei vigili urbani. Wow. Che puzza! Ma che puzza terrificante! Ma la sento solo io?
Una testimonianza oculare così precisa e dettagliata di cui gli inquirenti sembrano non curarsi, tanto che “il fermano” dapprima a piede libero viene poi arrestato. Eppure, stando a quella testimonianza, si tratta di legittima difesa, chi può metterlo in dubbio?
Io. Io sento quella puzza. È puzza di mitomane, inconfondibile, e mi metto a cercare un po’, cosa che invece non avete fatto voi, sempre perché non vi sembrava vero di avere la vostra eroina nella povera mitomane Pisana Bachetti, e l’avete subito sbattuta tutti in prima pagina (con conseguenze temo molto gravi anche per lei, ma a voi che ve ne frega). L’avete eletta a “l’altra campana”, a paladina del “prima verifichiamo bene i fatti”, a santa patrona del vostro razzismo mascherato dal politically correct del “dobbiamo considerare tutte le opinioni”! Bastardi razzisti che non siete altro.
Io no. Io sento la puzza, e fiutando la pista di quella puzza scopro che Pisana Bachetti si trova sempre lì sul posto, al momento giusto, quando c’è da denunciare qualche marachella commessa dallo straniero. E che ha sempre lì accanto un cronista pronto a raccontare le sue fenomenali storie. Due anni fa, ottobre 2014, è la volta del Corriere Adriatico, che racconta di come la prode Pisana Bachetti, che è pure fervente animalista, si fosse imbatutto in “quattro cinesi” che armati di “retini e buste di plastica” avevano indubbiamente in mente di catturare dei poveri gattini. Che poi non successe niente, ma tanto bastava al cronista per sparare un bell’articolo attraverso cui il messaggio potesse passare: “Catturavano i gatti con sacchi e retini“. Leggetevelo questo meraviglioso pezzo di giornalismo sul nulla, messo lì solo per calunniare un’etnia, senza alcuna base di fatto. Se non quella, ovviamente, della nostra super testimone Pisana Bachetti.
A me personalmente bastava (eravamo a ieri mattina) per confermarmi che ci si trovava davanti a una mitomane, e presi a mettere in guardia gli amici che cominciavano invece a dar credito a quella assurda testimonianza: ma come, vittima di un vero e proprio pestaggio, e il fermano incarcerato non ci fa avere manco una foto di come è stato ridotto per supportare questa versione? Preso a sprangate non riporta nessuna ferita? E la polizia chiamata da Pisana Bachetti per proteggere “il fermano” non ci dice niente di tutto ciò? E i 15 nigeriani pronti a “entrare in azione”, sventata solo dalla presenza evidentemente autorevolissima di un paio di vigili urbani, sono finiti nel nulla? MA POSSIBILE CHE NESSUNO SENTA QUESTA PUZZA?
No, nessuno. Figuriamoci, una super testimone che “ribalta tutto” per tutti voi squallidi razzisti dentro è una bella polizza a tutela della vostra buona coscienza a buon mercato, per i media poi… perché smontarla? Fa audience, fa discutere, fa esplodere i social! Evvai con La Zanzara, che centra tutta la puntata di ieri sulla super testimone, fino a chiamarla telefonicamente e a intervistarla a sua volta. Trovate la telefonata qui, dal minuto 1H03’00”:
Il palo ce l’aveva “il nigeriano”. La ragazza “picchiava tanto quanto il marito”. “Mi hanno cancellato Facebook”. Aggiunge la super testimone. “Chi si stava difendendo era il fermano. Era caduto a terra.” “Mi hanno messo sul giornale con nome cognome e foto senza chiedermelo!”. Ma pensa te. La puzza aumenta sempre di più, ma voi continuate a non sentirla.
Per me riconoscere le puzze è diventato da tempo quasi un mestiere. Già ieri mattina vado a dare un’occhiata al profilo Facebook di Pisana Bachetti. È uscita da poco la sua intervista, non è ancora stata ripresa da molti, e la sua bacheca di parrucchiera riporta il solito mix di foto di gattini e di invettive anticasta grilline, niente sulla vicenda. Prendo, e le chiedo l’amicizia. Dopo due minuti, Pisana Bachetti, sissignore, mi aggiunge ai suoi amici.
Nel pomeriggio scompare tutto: i vecchi post, le foto ecc… di Pisana vengono tutti cancellati, restano solo le sue condivisioni di tutti i giornali e i siti che hanno ripreso la sua intervista (già proprio quella di cui si lamenterà la sera a La Zanzara perché “mi hanno messo sul giornale senza chiedermi niente!”. Ne va orgogliosa, è evidente. E io ci entro in dialogo. Sì, amici miei bastardi. Mentre tutti voi siete lì a “usare” Pisana Bachetti come la vostra comodissima “altra campana” che serva a confortare il vostro perbenismo tanto marchigiano, io di Pisana Bachetti sono diventato amico su Facebook, e ho avuto uno scambio, che qui riporto a vostro beneficio, attraverso tre screenshot consecutivi, così che possiate avere (forse, ma forse è ciò che non volete, e quindi continuerete a credere alla sua “super testimonianza”, nonostante tutto). Eccovi il dialogo tra me e Pisana Bachetti, fin dove è arrivato al momento in cui scrivo. Fatevi pure la vostra idea adesso, se ne siete capaci, bastardi:
Bachetti1
Bachetti2
Bachetti3

90 Commenti

  • Ciao, scusa ma il “pugno a seguito del quale cadi, sbatti la testa sul marciapiede e muori” è proprio l’esempio di omicidio preterintenzionale da manuale, quello che i professori usano all’università per spiegarti cosè l’omicidio preterintenzionale.
    Condivido il tuo articolo, ma visto che tu per primo cerchi di dire le cose come stanno, quella sbavatura ci sta male.
    Chiunque, bianco nero verde o blu, per un pugno, al quale segue caduta-testa sul marciapiede-morte, sarebbe accusato di preterintenzionale.
    Se invece uno avesse colpito l’altro, e una volta a terra avesse continuato a pestarlo, colpirlo, dargli calci, e questo a un certo punto moriva, allora lì diventava omicidio doloso.
    Spero ti sia utile, C.

  • sempre alla zanzara Cruciani ieri ha chiamato l’avvocato del fermano e ti posso assicurare che con lui il conduttore ha fatto una gran figura di merda!

  • Sbagliato… scrivevo che sto per vomitare: i commenti sono, per l’ennesima volta ipocriti e complici. Razzisti e nazi dentro. Quando comincerete a sfogare il bolo d’odio che avete dentro contro i più forti e non i più deboli meriterete di esistere. Al momento una pulce zoppa dovete guardarla dal basso. Fermo, andarci MAI.

  • Faccio davvero fatica a capire perché senti il dovere di ripetere per 30 volte che i Marchigiani sono razzisti? Ma non eri tu quello contro le generalizzazioni?

  • Bello, bel pezzo e finalmente qualcuno che controlla le fonti. Tu la chiami puzza ma in realtà dovrebbe essere il semplicissimo lavoro del giornalista. Comunque complimenti, siete rimasti in (troppo) pochi a farlo.
    Una domanda: cosa intendi con “mondo grillino di base” ?
    anzi due domande: quando fai le domande alla Bachetti e la incalzi facendole intendere di essere d’accordo con lei.. o meglio, non sei d’accordo ma nemmeno in disaccordo, insomma la metti a suo agio facendole credere di stare dalla sua parte…. quella non è puzza? no giusto per capire dove sta la differenza nell’ “usare” una mitomane e “sfruttare” una mitomane…

  • A quanto pare Emmanuel era già in coma mentre lo picchiavano. Quindi è omicidio doloso a tutti gli effetti. Grazie per questa brillante testimonianza.

  • Incredibile!!11!. “Da una prima ispezione medico legale i traumi riscontrati sono quelli al volto e alla nuca. Traumi compatibili con la versione fornita dal 39enne fermano. La polizia ha intanto sequestrato il segnale stradale utilizzato presumibilmente per l’aggressione e, dopo l’esame degli uomini della Scientifica, è risultata l’assenza di tracce di sangue.” quindi, anche senza prendere per oro colato le parole della persona che tu diffami ripetutamente, la versione della nigeriana è già falsa, menzognera, artefatta. In altre parole, puttanate. Notevole anche il tuo tentativo di dimostrare che la testimone che diffami ripetutamente fosse razzista anche lei (un’epidemia!!1) negli screenshot che hai postato. LOL spero che qualcuno faccia avere una copia di questo sito alla signora di modo si possa godere un po’ del tuo quinto di stipendio. Così magari devi stare all’aria aperta un po’ di più e la smetti di sentire puzza. In bocca al lupo

  • Sarei curioso di leggere qualche tua indagine dopo che lo zingaro che uccise quattro ragazzi a portorecanati finì ai domiciliari a scrivere libri e confezionare articoli di moda.
    per me resta che è stato ucciso un uomo e chi lo ha fatto deve pagare.

  • La puzza che sente l’autore potrebbe venire dall’articolo stesso.
    Ci sono persone così affamate che scriverebbero di tutto per prendere 4 spicci con adsense e simili.

  • Scusate ma non ho capito cosa serve lo screenshot se non a mostrare che la tizia ha beccato subito Tombolini come millantatore e lui è andato in bianco subito. Una figura meschina, ma per il blogger. Come Fantozzi che fa la telefonata anonima al suo capo, camuffando voce e accento, ma appena dice, con inflessione tedesca, ” prontooo? ” quello gli risponde “Fantozzi, mi dica!”.

  • Se senti tanta puzza perchè non apri le finestre ogni tanto?
    e poi mi sono permesso di leggere il tuo curriculum: ma scusa, che ci fai ancora lì, uno come te dovrebbe essere al posto di Renzi a salvare l’ Italia.
    O forse non è tutto oro quello che riluce.
    Lo sai: vengo anch’io dalla vendita, e da giovane facevo come te, cambiavo spesso, poi in un colloquio di lavoro l’ intervistatore (che ricordo ancora con gratitudine) mi fece capire che non di un presunto pregio (la duttilità) ma di difetto si trattava (incapacità, nel mio caso giovanile, nel tuo perpetua, di andare a fondo alle cose)
    Comunque non leggermi e stammi bene.

  • La puzza che si sente è di un giornalismo schierato e con paraocchi.
    La verità verrà a galla e non grazie a questi articoletti, purtroppo internet permette a tutti di dire la sua con cassa di risonanza ampia…
    Ovviamente il fermano l’ha fatta grossa e dovrà pagare

  • Una persona che nell’analizzare la pagina di Facebook della super testimone si sofferma sulle “invettive anticasta grilline” (per caso i grillini adesso sono diventati anche razzisti che difendono ad oltranza i bianchi?), e non su particolari ben più importanti del fatto accaduto, si presenta da sola. In merito al fatto accaduto e delle relative responsabilità non sta certo a noi dare giudizi, ci sono gli organi competenti che stanno facendo il loro lavoro, piuttosto sento ben altra puzza in questo articolo, non la sentite anche voi?

  • Se il fascista ha ucciso il nigeriano, deve pagare. Se anche il nigeriano lo ha aggredito dopo aver sentito chiamare sua moglie “scimmia”, il fascista non ha scusanti comunque, ne’ la sua reazione e’ meno grave, perche’ era l’insulto di partenza, la cosa grave. Tolti da mezzo quindi le signore mitomani o meno e i paletti branditi o meno, e da chi non si sa, rimane un’altra puzza insopportabile in questo articolo: quella del razzismo verso i 5 stelle.
    “Mondo grillino di base” e “solito mix di foto di gattini e invettive anticasta grilline”, che equivale a sostenere che la signora testimone e’ dequalificata in partenza in quanto presumibilmente grillina e quindi scema (o viceversa) e’ eloquente piu’ di qualsiasi discorso.
    Ci pensi. Il razzismo, il disprezzo per una intera categoria, e’ pericoloso, sa? No vorrei mai che mi incontrasse per strada e mi chiamasse “faccia da grillina”.

  • per quella ignorante che scrive che “Cruciani al servizio pubblico è una grande vergogna”, Cruciani trasmette da radio 24, che non è un servizio pubblico

  • “Lo sai: vengo anch’io dalla vendita, e da giovane facevo come te, cambiavo spesso, poi in un colloquio di lavoro l’ intervistatore (che ricordo ancora con gratitudine) mi fece capire che non di un presunto pregio (la duttilità) ma di difetto si trattava (incapacità, nel mio caso giovanile, nel tuo perpetua, di andare a fondo alle cose)”
    Cosa c’entra questo con la vicenda, di grazia? A parte che avrei qualcosina da ridire sulla questione in sé, ribadisco: cosa c’entra? Oltre al fatto che di Antonio Tombolini tutto si può dire meno che non arrivi in fondo alle cose. Ma, per la terza volta: cosa diamine c’entra?
    Bella questa pletora di commentatori che difendono con tanto accanimento la “super testimone”, comunque. Per nulla sospetto, aggiungerei.

  • Se il morto fosse stato l’italiano scommetto che avreste scritto che il nigeriano andava giustificato in quanto rifugiato (di che?) ecc.
    Stavolta gli è andata male al clandestino ……..
    Perché non facciamo anche in Italia i processi con i 12 giurati (come vediamo nei film americani) sono sicuro che il Fermano uscirebbe ASSOLTO !!

  • Non mi pare di aver sentito Cruciani presentarsi come della Zanzara.
    La donna negli ultimi giorni sarà stata tempestata da una marea di telefonate e interviste, magari non ha collegato o proprio non lo sapeva.
    Neppure io conoscevo Cruciani, dato che non ascolto la radio e tantomeno la Zanzara. Per cui se mi chiama un giornalista tra i 1000 e non dice per chi lavora potrei tranquillamente negare in buona fede di averlo fatto.

  • Tombolini,sei penoso,hai modificato tutte le tue risposte e domande ,sei un essere da denuncia, questo screen shot andrà fatto vedere alla Signora Pisana,cosi vediamo se la puzza sarà la merda che hai al culo.

  • omicidio doloso, sarebbe omicidio volontario? la fattispecie è CHIARAMENTE quella dell’art. 584 c.p. e che giustamente i magistrati gli stanno impuntando. cioè omicidio preterintenzionale, l’agente cagiona la morte della vittima come conseguenza di un’azione violenta. e sempre il 584 rimanda a 2 altri articoli del c.p. che sono percosse e lesioni personali, altri reati previsti dall’ordinamento.

  • Quando ho sentito alla Zanzara (Cruciani, vomitevole come non mai) che la testimone parlava di botte per “quattro o cinque minuti” ho capito quale potesse essere l’attendibilità, era sufficiente quello, spero nella professionalità degli inquirenti che possano chiarire. Disprezzo fascisti e grillini in uguale modo, per me non ci sono differenze, non sono sorpreso che si trovino bene anche insieme quando c’è da fare gruppo / fascio appunto

  • Quante cazzate in così poche righe!
    In mezzo, una perla di rara stupidità: “il fermano incarcerato non ci fa avere manco una foto di come è stato ridotto per supportare questa versione?”
    Ti rivelerò una cosa: in carcere NON ti lasciano facebook per postare i selfie con i lividi.
    Ma, anche se te lo lasciassero, sarebbe oltremodo stupido farlo: perchè se sei indagato per omicidio, il più scalcinato degli avvocati ti spiegherà che tu devi startene zitto con tutti (soprattutto amici e giornalisti), e che quello che devi dire lo puoi e devi dire solo ed esclusivamente al magistrato… e non postarlo su facebook.
    Tranquillo che il magistrato i referti ce li ha (tra l’altro tra le pieghe della cronaca c’è anche la notizia di una lesione da morso al braccio… morso ricevuto dalla compagna della vittima.
    E la compagna della vittima si lamenta che “i magistrati non credono alla sua versione”… ma vah? 😀

  • siete verognosi.. andate in africa se tanto ci tenete.quando e’ estato ucciso quel ragazzo da un extra con una bottiglia..voi dove eravate? site verognosi gli unici razzisti sono i bunisti

    • Ho detto da qualche parte che vorrei andare in Africa? E allora cosa stai dicendo? Ah, io non ricordo dove mi trovavo quando è stato ucciso “quel ragazzo” da “un extra” con “una bottiglia”. Lei se lo ricorda? Mi sa di no, vero? Manco il nome di “quel ragazzo” si ricorda, figuriamoci.

  • perchè voi zecche ritardato comuniste dice che il mancini è fascista? lo conoscete? secondo me siete dei coglioni.

  • e adesso che gli esami medici confermano le parole della signora . che facciamo? dai capita..ci si innamora di una tesi…piace la storia…capita poi che le cose non vadano nel verso giusto,capita

    • Accidenti, mi hai scoperto, è vero, lo ammetto: ho fatto tutto questo per avere il tuo indirizzo email. Dai, per farmi perdonare prometto che ti darò il 90% di tutto quello che ne ricaverò, contento?

  • Antò, me sa che ciai el naso ttappato… gne fa niè, magnece mpò de pa cu l’ojo… 😀
    vedemo se ciai l’onestà intellettuale de fa una rettifica alla precipitosa e improvvida versione iniziale che manco avessi scoperto l’acqua su marte…
    io sò marchigiano e perbenista.. e me ne vanto, perchè il vecchio saggio “datte tempo” ne le Marche è una legge millenaria…
    potremmo dì che “te sei ‘nfugato”… a meno che l’autopsia sia stata fatta da un’altra mitomane…
    io aspetto ancora, non me pronuncio pel momento

    • Ma no, pronunciati pure! Solo ti pregherei di facilitare il mio autodafé, fornendomi gentilmente un riferimento al referto dell’autopsia, che tu evidentemente hai potuto leggere, giusto? Grazie!

    • Accidenti, non faccio in tempo a dimostrare l’inattendibilità di una testimone, che subito ne spunta un’altra! Ma siete fortissimi! E grazie per gli apprezzamenti espressi nei confronti della mia persona.

  • Mi pregio di informare l’autore di questa pagina girerò il tutto a persone vicine alla signora diffamata. Se tutto va bene, chi ha scritto diventerà un pregiudicato. Cordiali saluti.

  • ANCHE TUTTA QUESTA MELMA CONTRIBUISCE A RENDERE L’ IMMIGRAZIONE UNA GRAN FONTE DI GUADAGNO. GIORNALISMO DA QUATTRO SOLDI, SACERDOTI VOTATI CIECAMENTE ALLA DIFESA DEL DIVERSO, BANDE DI CIECHI BUONISTI IN CERCA DI CONSENSI SUI SOCIAL……………..PENSATE QUELLO CHE VI PARE, LA VERITA’ E’ UNA SOLA E NESSUNO ANCHE SE LO CREDE PUO’ CAMBIARLA.

  • “Ma c’è una seconda testimone, scesa dal bus nei momenti della rissa. Si chiama Milena Temperini. La donna riferisce di aver visto il nigeriano spintonare l’ultrà e colpirlo con il segnale stradale. Poi il fermano cade a terra e i nigeriani si allontanano. A quel punto, Mancini si rialza e raggiunge la coppia. Scatta una seconda rissa (non si sa da scatenata da chi) alla fine della quale Emmanuel si accascia a terra.”
    pure questa ha avuto le traveggole?

  • “Mentre tutti voi siete lì a “usare” Pisana Bachetti come la vostra comodissima “altra campana” che serva a confortare il vostro perbenismo TANTO MARCHIGIANO”
    certo che sentirsi dare del razzista da un razzista e’ il colmo dei colmi…

  • Certo,hai scritto il giorno 8 luglio poi ti sei svegliato il giorno dopo e hai scoperto che tutto il tuo castello di carte è stato smentito dalla realtà delle indagini…la puzza forse viene dal fatto che dirmendo te la sei fatta addosso

    • Uhm, e vorresti gentilmente dirmi tu, che hai potuto prendere atto della “realtà delle indagini” (che evidentemente sono state rapidissime!), come è andata a finire? Però ti prego, dammi uno straccio di link in cui io possa trovare le informazioni complete e corrette di cui tu disponi, grazie!

  • Insulto razziale e omicidio conseguente. Questi i fatti, il resto sono circostanze che non cambiano la sostanza di questi due fatti. Comunque grazie ai criptorazzisti (che non hanno il coraggio di dire chiaramente che lo sono). I loro commenti sono un esercizio di retorica sempre ridicolo, senza logica, tra il rutto e la balbuzie. Arrendetevi, il futuro sarà multietnico, i vostri nipoti potrebbero essere neri, o con lineamenti asiatici, oppure morfologicamente andini ….

  • dopo l’esito della perizia del medico legale, se io fossi Pisana Bachetti mi girerei tutte le bacheche in cui le è stato dato della bugiarda, e querelerei per diffamazione. nessuno che abbia usato il condizionale. spero che qualcuno glielo suggerisca

    • Molto bene Frida. E dove sarebbe questo esito della perizia medico legale? Perché sai, io non l’ho visto, e vorrei leggerlo anch’io, come senz’altro avrai fatto tu, vero? Ti ringrazio per le indicazioni che vorrai darmi!

  • Qualsiasi cosa o occasione e’ buona per confermare le proprie idee gia’ precostituite se ognuno di noi buoni dessimo l’esempio e ospitando nella nostre case un immigrato tutto diventerebbe piu’logico e facile da capire fra un po’ saremo stranieri in casa nostra facciamocene una ragione noi figli non ne facciamo piu’inportiamone che bello la razza bianca e destinata a sparire abbiamo risolto il problema del razzismo buna giornata a tutti

  • Ma in tutto ciò che cazzo c’entrano i grillini?
    Bisogna infilarli sempre dappertutto?
    Com’è,non vi pagano se non li ficcate nei vostri articoli?
    Il contenuto dell’articolo lo condivido per sommi capi,poichè la narrazione è deviante!
    P.S. ti ho scritto su twitter ma non mi hai risposto!Spero che non mi censuri il commento,essendo tu il difensore della libertà 😉
    P.P.S. screen e google:cache 😉

  • Mi scusi ma visto che lei sente le puzze x professione,perché non accenna minimamente ad un prete che cerca di sconfessare il lavoro di un medico legale?io non giudico il suo articolo per i soggetti con cui se la prende ma è per quelli che non menziona che sento molta puzza. Sento puzza perché è facile prendersela (magari giustamente non giudico) con chi nella società non conta niente,il difficile sta a fare la voce grossa con chi ha palesemente il potere di muovere una gistra politico/mediatica,cosa che noi persone normali non saremo mai in grado di fare. Forse non si finisce mai di imparare,io ad evitare di commentare forse,lei a riconoscerle tutte le pizze.

  • Fermo restando che questa è una morte imputabile al razzismo del fermano, lei tuttavia è fazioso nel dover per forza sconfessare la testimonianza della signora, basandosi su non argomenti e senza riportare testimonianze che smentiscano quella in questione. Il suo presunto scoop sarebbe il fatto che la signora si dimostra già bugiarda nel negare l’intervista alla zanzara. Se la riascolta dall’inizio, vedrà che Cruciani si limita a presentarsi, senza specificare che chiama per conto della trasmissione radiofonica. Niente di strano che la signora non conosca Cruciani e che non abbia capito che veniva intervistata per conto di una radio. In secondo luogo non mi sembra che la signora voglia alleggerire la responsabilità del fermano. Precisa più volte che lei è arrivata a rissa già iniziata. Che una squallida provocazione razzista abbia provocato quella reazione a me non sembra strano, né a mio modo di vedere getta ombra sulla povera vittima. Cruciani (e non penso che un giornalista possa dire balle di questo calibro) asserisce che gli altri testimoni hanno raccontato la stessa versione della signora, che alla fine è presa di mira da lei e da altri solo perché ha raccontato quello che ha visto. L’altro non argomento sarebbe la denuncia ai cinesi. Quindi è razzista. Gli animalisti denunciano senza distinzione di razza o etnia. Tra l’altro bisognerebbe vedere se ha denunciato o segnalato per accertamenti.

  • Ci sono ben 4 testimoni, ci sono i referti medici, non sarebbe opportuno, non rintuzzare strumentalmente odi e rancori, lasciando alla magistratura il compito delle indagine e dopo, ma solo dopo, dire la propria, sulla base di fatti accertati? Ricordo che prima della grande invasione i meridionali erano i soggetti sotto attacco e se uno avesse dovuto aggredire un altro per essersi sentito apostraofare “terrone di merda” (lo dico perché succedeva a me, ragazzino di pochi anni, emigrato dal lazio centrale al nord spinto della Romagna…) avremmo i cimiteri pieni. Non si aggredisce per un insulto nessuno, al massimo lo si querela

  • Qualcuno sostiene che la Bachetti potrebbe non aver compreso la sua posizione nella telefonata, ma sono di tutt’altro avviso. Il conduttore del programma radiofonico si presenta come “sono Cruciani” e la Bachetti non batte ciglio, non fa domande normalmente ovvie e spontanee quando ci si presenta una persona sconosciuta, facendo presumere che sia stata rispettata la prassi dell’accordarsi precedentemente prima di una chiamata rilevante per il programma stesso.

  • tombolino, mi chiedo come fate voi debunkers antitaliani del web ad essere così mongolidi.
    Invece di fare un passo indietro o meglio chiudere questa immondizia di pagina antiitaliana, insisti.
    Guarda qui, altri testimoni che confermano la tesi della bachetti
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/nigeriano-ucciso-mancini-resta-carcere-spuntano-altri-due-1282770.html
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/fermo-versione-dei-testimoni-i-nigeriani-hanno-aggredito-1280812.html
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/fermo-unaltra-testimone-nigeriano-insultato-colp-primo-1282263.html
    i testimoni che la confermano e di cui abbiamo avuto notizia sono almeno 5 o 6, la vuoi quindi finire con questo tuo delirio da psicopatico?

  • A parte il fatto che questo “blogger Antonio Tombolini” dislessico e sgrammaticato, mi fa una gran pena, ma è evidente e lampante che costui scrive per cercare notorietà cavalcando l’onda della notizia. Forse è il caso che si cerchi un lavoro. Questo non gli viene bene!

  • urka ! la povera vedova ha cambiato versione…evidentemente la signora che lei ha intervistato qualcosina di giusto ha veduto…

  • Cito testualmente il finale con screenshots allegati: “Fatevi pure la vostra idea adesso, se ne siete capaci, bastardi:”. Sì me la sono fatta un’idea e indipendentemente dall’articolo inutilmente fazioso / complottista, rivelatosi peraltro errato, la cosa ben più grave a parere mio è chiedere l’amicizia ad una persona in un social con dei doppi fini, ovvero cercando di sputtanarla in pubblico di fronte tra l’altro anche ai suoi veri amici. A quale pro poi? Cosa voleva dimostrare? È come se ora noi le chiedessimo l’amicizia su Facebook per poi deriderla e fare pubblicamente del sarcasmo nel suo profilo per questo articolo costruito su supposizioni peraltro palesemente errate. Indipendentemente dalle sue idee che sono sue e nessuno vuole toglierle, c’è proprio poco da vantarsi di quei screenshots, questo non è il modo giusto di agire.

  • Un bell’articolo di scuse nei confronti di questa Signora sarebbe il meno, ma a lei cosa importa, l’articolo è scritto, la gente diffamata ed il giornalista ora potrà parlare d’altro… “giornalista”.

  • E dopo la ritrattazione della moglie, le 6 testimonianze le perizie medico legali tutte a favore dell’insultatore…..abbiamo trovato la fonte della puzza…..era la m…..istificazione scritta in questo articolo!
    Si consiglia di cambiare lavoro o di mettere più onestà e distacco negli articoli! Al momento è passibile di diffamazione e calunnia sia da parte della povera testimone che dell’insultatore.
    Scritto da una persona fiera di esporre in casa il diploma di combattente per la libertà di suo nonno firmato da Pertini. Fiero di aiutare il prossimo qualsiasi sia la sua forma condizione e colore….perché si aiuta il prossimo sempre e comunque…..e si da ragione solo dopo aver sentito tutti gli attori e non solo uno per partito preso come ha fatto lei!

  • e daje Anto’, stai a fa una figura sempre piu’ penosa… riconosci che hai sbagliato e famola finita, no?
    poi come se fa a risponde qui, che non c’hai il riferimento al messaggio a cui risponni… e su…

  • che figura di cacca, la negra sarà indagata per falsa testimonianza, ma tu non hai niente da fare tutto il giorno? da notare che la notizia è scomparsa da tutti i giornali di regime

  • Tombolini, l’ha davvero fatta fuori dal vaso.
    Prima, senza sapere nulla, spara sentenze come tutti gli altri che Lei osteggia, poi si rende conto che la sua opinione su questo tema è davvero seguita sui social per cui come non fare pubblicità subito?
    Che vecchio leone del web che è lei!
    Poi vede che può fare qualcosa che non è stato fatto prima da nessuno, si fa amico di un profilo del quale non riesce neanche a verificare la veridicità, fa domande capziose per estorcere una verità e si proclama unico depositario della ragione.
    E giù, una pioggia di condivisioni e di stima da chi per natura legge solo i titoli e rilancia notizie false.
    Un metodo il suo simile a quello di Goebbels, solo in direzione opposta.
    Chi non la pensa come Lei è razzista quando non peggio!
    Davvero complimentoni, non vorrei che tra un po’ venisse fuori che la donna è quella che ha alzato le mani per prima, a futura memoria di Lei, impavido dei social e del web.

  • questo articolo,pessimo,senza nessuna etica, tra l’altro penosamente scritto e da chi magari pensa di poter essere un giornalista….fra qualche eone..o magari un profumiere..visto che sente odori e puzza dove non ci sono e distorce la realta’ secondo i suoi pregiudizi tipo propaganda da gestapo e kgb,mettendo in croce preventivamente e faziosamente una testimone che non aveva davvero nulla da guadagnaci,tranne che essere insultata da faziosi come questo signore qui..cosa che un giornalista NON DOVREBBE MAI FARE..comunque adesso cosa scrivera’? smentira’tutti i sei testimoni,la perizia e la vedova stessa perche’ si sara’ autominacciata contro tutto e tutti? se fosse un vero giornalista avrebbe avuto la decenza di scrivere dopo le ultime e verificate news, “ho scritto una cazzata enorme,mi scuso,la prossima volta saro’ piu’ cauto e meno fazioso” ma ci vogliono le palle per questo.e una cosa che il signore non ha e non conosce,etica e onesta’ intellettuale.

Il blog di Antonio Tombolini

Antonio Tombolini

Get in touch