Il blog di Antonio Tombolini

Web 2.0 e sughi pronti

W

Prima dell’estate ha preso avvio il lavoro del Panel degustatori SL 2007. Il primo task consisteva nella degustazione, valutazione e discussione sui sughi pronti attualmente venduti da San Lorenzo.
Quel che ne è venuto fuori è l’essenza del web 2.0 secondo me, molto al di là della sua (continua) banalizzazione e riduzione ad elementi di grafica, bottoni e paccottiglia varia: i mercati sono conversazioni, e conversazioni vere, fatte al mercato, cioè in piazza.
Se ne volete una prova, date un’occhiata a quel che ne è venuto fuori.
Credits: Un ringraziamento tutt’altro che formale a Sara che ha organizzato tutta l’operazione, allo staff San Lorenzo che ha curato le spedizioni e rincorso gli indirizzi irrintracciabili, e ai members del Panel perché… è un duro lavoro, ma qualcuno deve pur farlo! 🙂

[UPDATE: pare che non sia possibile visualizzare il thread linkato sopra, che è oggetto di questo post, se non si è members del gruppo. Il fatto è che sono più avanti del social software 😉 Scherzi a parte, sto cercando di creare un account jolly, di cui metterò qui user e password, per consentire a tutti di visualizzarlo. Scusate]

Commenta

Rispondi a loste Cancella risposta

  • Titolo: “come si riduce un Uomo”
    Un Uomo, tale Antonio Tombolini cultore del cibo massimo, si riduce ai sughi pronti, essenza del mangiare ridotto a disperazione. Che fine. Non credevo che andasse a finire così. Dopo? Cosa ci aspetta dopo? Il mangiare per i cani? Con tutto il rispetto per i cani. Una brutta strada è stata imboccata. Prepariamoci al peggio. La carne di cane !

  • ..sul corriere di oggi , nelle pagine milanesi ,ho letto commenti nn proprio entusiasti sul vostro prossimo ristorante..JOIA..” la cucina spettacolo sacrifica il gusto “…poi mi racconterai invece le vostre sensazioni..?..buon lavoro silvana.

  • Al buon Renato che si scandalizza, vorrei dire che a casa mia dei (buoni) barattoletti sono sempre circolati. Se ti eri fatto l’idea di un Antonio tutto Caviale&Champagne, beh, sorry, ma hai toppato di grosso.
    Ah, dimenticavo: al mangiare per i cani (e anche per i gatti), bio però, ci sono già arrivato. Infatti mi occupo anche di questa cosa qui:
    http://www.aniwell.it e ne sono perfino orgoglioso, pensa te.

  • “l’idea di un Antonio tutto Caviale&Champagne” non è buon mangiare Caviale & Champagne. Allora ho ragione dai da mangiare ai cani per poi farceli mangiare e perfino i gatti. Ci vuole coraggio a mangiare il coniglio cucinato dal Nuovo Tombolini. Torniamo alle origini dai retta a me.

  • Silvana, certo che poi racconteremo, sia dell’Ambasciata di Quistello (dove saremo sabato prossimo) che del Joia (dove saremo a fine ottobre, e chi non l’ha ancora fatto è ancora in tempo a iscriversi per tentare di esserci).

di Antonio Tombolini
Il blog di Antonio Tombolini

Antonio Tombolini

Get in touch