Il blog di Antonio Tombolini

Gaspar illuminante!

G

In uno dei suoi post dedicati alla cronaca del BarCamp romano Gaspar mette lì una frasetta davvero illuminante:
C’è un problema di fondo can la comunicazione d’impresa: il fatto che sia solitamente di tipo persuasivo e non conversativo (tradotto in italiano: ti vuole cacciare l’articolo).

Tradotto ulteriormente, dico io, è sempre e solo pubblicità. La questione (interessante assai!) diventa quindi: può un’azienda finalmente passare dalla comunicazione persuasiva a quella conversativa? Ne esistono già esempi? Come si può fare? Chi si offre per sperimentarlo?

Ecco, a un seminario che mettesse a tema una cosa così, io ci andrei, e di corsa!

Add comment

  • Concordo e, nel mio piccolo, cerco di applicare questa regola.
    La comunicazione d’impresa dovrebbere prendere esempio da quello che è sinonimo di ‘comunicazione piacevole’ tra le persone e, il business, diventerebbe solo una conseguenza… un ‘effetto collaterale’ di una piacevole conversazione.
    Condividere prima di vendere.

  • Il problema è che, cmq la vogliamo mettere, un’azienda qualcosa la deve vendere sempre.
    Di conseguenza, poco o tanto, tutta la sua comunicazione è orientata a questo fine…
    altrimenti sono (percepite solo come) chiacchiere da salotto.
    Un’alternativa ci sarebbe: passare dalla comunicazione all’informazione d’impresa.
    Io ti dico quello che faccio.
    Poi tu decidi se comprarmi o meno.
    Ma non cerco di convincerti/indurti a farlo.
    Può funzionare?
    L.

  • Io la metterei così : internet si presta meglio ad indurre bisogni nelle persone, o a intessere relazioni? Perchè, se la televisione ad esempio è un mezzo passivo, e gerachico, la rete è flessibile e degerarchizzata. Di conseguenza potremmo dedurne che bisogna adattare ad essa il nostro modo di fare commercio…
    E poi..perchè dovremmo cambiare il modo di mandare lettere (le email), di telefonare (skype)ecc…e non quello di commerciare?

  • Non sono esperto, quindi chiedo: esiste una letteratura sui rischi di “sabotaggio” della credibilità di un’azienda che abbia scelto l’approccio conversazionale? Perché effettivamente si rischia di esporre la giugulare a ogni pensabile forma di danneggiamento doloso della reputazione da parte di competitori, anche nel caso che il comportamento dell’azienda sia sempre stato inappuntabile (e raramente lo è).

Il blog di Antonio Tombolini