Il blog di Antonio Tombolini

Il Nuovo Giornalismo e le elezioni palestinesi

I

Mi verrebbe da dire che la penso come l’ottimo Ottolenghi ascoltato qualche giorno fa su Radio Radicale: meglio un Hamas vincente, che sarà costretto a fare i conti con i problemi di governo, e dunque sperabilmente a rivedere molto del suo fondamentalismo, che non un Hamas minoritario ma forte e all’opposizione, che quel fondamentalismo invece spingerebbe fino in fondo, condizionando comunque negativamente l’azione del governo palestinese.

Fogliohamas

Antonio Polito e Giuliano Ferrara non la pensano così, e preferivano comunque una vittoria di Fatah. Evabbè, niente di male. Ma possiamo dire che in un paese serio e civile questi due signori, alfieri di quello che dovrebbe essere il giornalismo nuovo a venire, sempre pronti (uno di qua e l’altro di là) con la bacchetta in mano a impartire lezioni a destra e manca, possiamo dirlo che in un paese serio e civile questi due signori domani si ritroverebbero meritatamente disoccupati? Il motivo?
Questo per Polito, questo per Ferrara. Vergogna!

Add comment

  • La cosa pessima, dal punto di vista giornalistico, è che sul Foglio non c’è stata una riga in merito all’errore.
    In merito all’evento, invece, vorrei essere d’accordo con Ottolenghi. Ma potrebbe essere altrettanto vera l’altra ipotesi, l’istituzionalizzazione dello scontro, certo peggio di un Hamas perdente.

Il blog di Antonio Tombolini