Il blog di Antonio Tombolini

PayPal: la tregua

P

PayPal pagaCome potete verificare qui sopra, dal ritaglio dei movimenti bancari che ho potuto visualizzare, quelli di PayPal sono finalmente riusciti a farmi entrare in possesso di una parte dei miei (rectius, della SBF) soldi: 12.500€ ci sono stati accreditati sul conto aziendale, come richiesto il… 6 luglio scorso!

“La prego di contattare direttamente me o la mia manager qualora necessitasse trasferire i suoi fondi dal saldo del suo conto PayPal al suo conto bancario”

Non si tratta di una soluzione, perché la soluzione non è stata ancora trovata, a quanto pare, e la famosa primaria banca (ma quale sarà? Riusciremo a scoprirlo?) attraverso cui PayPal Europe effettua i versamenti ai conti correnti dei suoi clienti pare trovi enormi difficoltà a far risultare esistente la mia Banca della Provincia di Macerata. Tanto che alla mia domanda su come fare per disporre ulteriori prelievi, evitando tutto questo casino, mi è stato risposto così:

Gentile sig. Antonio Tombolini,
Come da conversazione telefonica intercorsa, le comunico i nostri
recapiti telefonici:
Xxxxxxxxx Yyyyyyy: 00353 1 …….8
Zzzzzz Ttttttttttt: 00353 1 …….9
L’indirizzo email del dipartimento di Executive Escalaltions e’ il
seguente:
xxxxx@paypal.it.
La prego di contattare direttamente me o la mia manager qualora
necessitasse trasferire i suoi fondi dal saldo del suo conto PayPal al
suo conto bancario. Ad ogni modo le confermo che a tal fine provvedero’
giornalmente alla revisione del suo conto PayPal registrato
all’indirizzo email info@simplicissimus.it.
La ringrazio per la sua disponibilita’ e comprensione,
Distinti saluti,
Xxxxx Yyyyyyy
Executive Escalations
PayPal, an eBay Company

Insomma da oggi dispongo di una vera e propria hotline diretta e personale per l’incasso dei miei soldi: che ve ne pare?

Add comment

  • peró, se non altro, magari in ritardo e dopo qualche cannonata mediatica, alla fine si sono messi a disposizione personalmente
    bypassando i normali canali di routine amministrativa. Io direi: alla fine del primo tempo il punteggio é Tombolini 1 – PayPal 1.
    Ciao,
    Carlo

  • Ho un sospetto.
    Nei sistemi di Call-center/Help Desk l’ ‘escalation’ e’ quel meccanismo per cui un problema segnalato quando accumula un certo ritardo ne viene incrementata la priorità e smistato ad un referente più in alto nella gerarchia delle responsabilità.
    Se fosse così sembrerebbe che Antonio non sia arrivato lì per le sue pubbliche proteste, ma per un semplice meccanismo del loro sistema di call-center.
    Semplicemente avrebbe completato vari passaggi di escalation fino ad arrivare a quello che prevede l’intervento di qualcuno in grado di risolvere quel tipo di problema.
    Segnalo comunque un parte del contratto PayPal che mi pare una clausola vesatoria:
    “Il rimborso può richiedere fino a cinque giorni lavorativi o un arco temporale maggiore in caso di circostanze che siano fuori dal controllo di PayPal o quando si renda necessario controllare le transazioni per evitare frodi o riciclaggio di denaro.”
    Cioe’ se la banca a cui si appoggia PayPal ha dei ritardi nel trasferimento verso la banca dell’utente non sarebbe una responsabilità di PayPal che intanto continua a mantenere il denaro bloccato sul conto… fino a quando le richieste dell’utente magari non raggiungono un adeguato livello del processo di escalation.

Il blog di Antonio Tombolini