Il blog di Antonio Tombolini

Gianfranco Fini? Tanto di cappello!

G

Gianfranco Fini voterà 3 Sì e 1 NoTanto di cappello a Gianfranco Fini, che, prendendo in contropiede soprattutto i suoi, dichiara pubblicamente la sua posizione sui referendum: voterà, e voterà 3 Sì e un No.

Add comment

  • meglio lui di Prodi e Rutelli.
    Ha capito in tempo che quello di Ruini è davvero il bacio della morte.

  • A me la legge 40 sta benissimo e mi asterrò per un motivo molto semplice: se i SI sono più del 50% andranno a votare e vinceranno, quindi il mio NO non servirà a fermarli.
    Se invece sono meno del 50%, non vedo perché dovrei partecipare al voto, visto che andando a votare NO alzo il quorum correndo il rischio di far vincere una minoranza di SI.
    Questa legge è stata votata in Parlamento da una larga maggioranza, comprendente entrambi gli schieramenti. Se il 50% degli italiani vorrà cambiarla io accetterò il cambiamento ma questo me lo devono dimostrare i SI. E siccome temono di non farcela, altrimenti non si spiegherebbe tutto questo nervosismo negli inviti al voto, vorrebbero vincere col trucco. E no, cari miei. Se veramente siete tanti SI, non dovreste temere l’astensione.
    Io attendo il giudizio delle urne, astenendomi.
    Angelo
    bottone.blogspot.com

  • Gianfranco Fini ha espresso in modo coraggioso in che modo intende votare per i Referendum sulla P.M.A.. Siccome è una persona intelligente e non usa temi così importanti, quali i valori, per motivi di convenienza, mi costringe a rimeditare il mio voto sui quattro quesiti. Anche se penso, forse erroneamente, che nessuno ha il diritto di attribuirsi del diritto di dare o togliere la vita.E l’unico che può fare ciò è Dio Onnipotente. Comunque provo tristezza visto che pochi riportano le meditazioni di Fini sui referendum mentre scrivono pagine o mezze pagine su giornali importanti circa fantasiosi ed offensivi gossip squallidi e provinciali.
    Grazie a tutti.

  • GIANFRANCO MEGLIO DI TE NON C’E’ NESSUNO SEI GRANDE E TI APPREZZO TANTISSIMO UN SALUTO DA MARIO LIPARI.

Il blog di Antonio Tombolini