Il blog di Antonio Tombolini

Gran Fondo del Conero 2011: sono arrivato (ultimo)!

G

Gran Fondo del Conero 2011
Clicca la foto per il set su Flickr

Tutto cominciò con un Elogio del Ridicolo.
Ieri ho portato a termine la Gran Fondo del Conero 2011 (foto da Flickr), percorso di 142km tra le colline marchigiane, tanto bello e spettacolare quanto faticoso: salite e discese a non finire. Sono arrivato ultimo, ma sono arrivato, e per me è stata un’impresa straordinaria. Sono stato 8 ore in sella, dalle 9.15 alle 17.15, sostenuto dal conforto di mio fratello Daniele, che ha avuto la pazienza di seguirmi a bordo della Vespa-ammiraglia per tutta la durata, e dalla prospettiva di abbracciare mia moglie Patrizia, che mi ha aspettato per festeggiarmi sal traguardo, anche se ormai se n’erano andati tutti, o quasi 🙂
NB Ho vinto una bottiglia di Aglianico e due bei portaruote da bici che mi servivano proprio. Grazie all’organizzazione, che ha creato un percorso degno delle più belle tappe del Giro.

Add comment

  • …e….i risultati perseguiti da allora ci sono stati?
    Tanti complimenti per essere riuscito a raggiungere l’arrivo.
    Saluti

  • Grazie grazie! 🙂
    Aggiornamento sul calo-peso: dopo un periodo di alti e bassi, più alti che bassi, ahimé, che mi avevano portato a un picco di 98kg a fine giugno, dai primi di luglio, re-inforcata la bici, ad oggi sono sceso a 89kg, ovviamente modificando anche, e di parecchio, la composizione della massa corporea, a tutto vantaggio di quella muscolare.

  • 9 kg?
    Mi fai venir voglia di iniziare ad andare in bici….ma segui una regola negli allenamenti, o quando hai voglia “inforchi” la bici e vai ottenendo comunque dei risultati?
    Io dovrei perderne una decina e….ogni suggerimento è ben accetto (se vorrai darmene ;o) s’intende!)

  • Laura, per quanto incredibile (ma chi mi conosce e mi vive accanto sa che è vero), senza fare rinunce alimentari, cosa che non reggerei (con le diete “prescritte” non reggo proprio).
    Non seguo una regola, anche perché non potrei: lavoro e spesso anche lontano da casa per giorni interi. Quindi: inforco la bici appena posso. Prima regola: ho una bici “ibrida”, da città e turismo, e la uso TUTTI I GIORNI PER ANDARE E TORNARE DALL’UFFICIO. E’ solo un quarto d’ora di pedalata, ma è FONDAMENTALE. Poi prendo la bici da corsa appena posso, tutte le volte che posso. La cosa fondamentale è che la frequenza conta di più della durata del singolo allenamento: meglio un’ora tutti i giorni o quasi che 3 ore in un giorno solo una volta a settimana. Naturalmente se puoi fare anche 3 ore una volta a settimana, magari nel week end, tanto meglio. Altro segreto: non avere fretta, i risultati si vedono gradualmente, più che coi kg in meno, per quanto mi riguarda, coi… buchi in più che ho cominciato a far fare alla cintura dei pantaloni 🙂

Il blog di Antonio Tombolini